green washing

Green Washing - non essere completamente onesti con il consumatore

David Power

Un sondaggio negli Stati Uniti ha indicato che il 92% dei materassi per bambini conteneva sostanze chimiche preoccupanti o allergeni. Quindi questo non è qualcosa con cui è probabile che tu possa farla franca, se ne cogli l'occasione.

E il "greenwashing", in cui le aziende offrono alcuni componenti "verdi" ma non adottano misure significative per garantire che i prodotti siano privi di sostanze chimiche tossiche, funziona a un tasso del 20%, secondo lo stesso studio.

Il mercato dei materassi per bambini, di tutti i mercati, dovrebbe essere etico, dignitoso e onesto. Le decisioni che prendiamo qui possono avere un impatto su un bambino irreprensibile per tutta la vita ed è francamente disgustoso vedere questo tipo di pratica acuta all'opera.

Cosa deve fare un nuovo genitore quando le grandi aziende di materassi per bambini possono fare questo genere di cose?

Divulgazione equa. Il materasso per bambini Purezees è stato testato in modo indipendente e scientifico per VOC, sostanze chimiche nocive, barriera agli allergeni (inclusi acari della polvere e peli di animali domestici) e liquidi e ha superato tutti i test. Lo standard di certificazione che portiamo è approvato dal più grande organismo di difesa del mondo per l'asma e le allergie. Quindi abbiamo un interesse acquisito nel fornire i seguenti consigli.

Verifica sulla confezione e/o presso il tuo rivenditore che le affermazioni avanzate dal marchio siano convalidate in modo indipendente da una terza parte rispettata e affidabile. Non accettare nulla di scadente dal rivenditore (quelli buoni saranno dappertutto) poiché potrebbero essere solo alla ricerca della vendita. Se non possono darti alcun dettaglio sull'organismo di certificazione, allora allontanati.

Clicca qui per saperne di più: The Mattress Matters – Protecting Babies from Toxic Chemicals mentre dormono”, un sondaggio completato da Clean and Healthy New York e dall'American Sustainable Business Council.

the mattress matters

Torna al blog